lettera a luca zaia 3°

Il 3 novembre l’ing. Delfo Fusillo mi ha mandato la lettera che ha inviato al Ministro leghista Luca Zaia.
Strano ma vero: gliel’hanno pubblicata sul sito del Ministro, ma nessun commento … niente.
Beato lui: a me e a Filippo Bottini non ci hanno degnato.
Forse su di me pesa la censura che vige sul quotidiano LA SICILIA?
Vi allego la lettera che l’ing. Fusillo ha mandato, ahimè rimasta “lettera morta“.
Gentile Ministro,
chi le scrive è un agrumicultore della provincia di Siracusa, che gestisce,tra mille difficoltà quotidiane, un’azienda agricola specializzata nella produzione delle arance a polpa rossa.
Con questa lettera, vorrei porre alla Sua attenzione la gravissima crisi che investe ormai in modo cronico il suddetto comparto: da un lato prezzi di vendita ridicoli, dall’altro manodopera, concimi, diserbanti ed energia elettrica diventati carissimi.
Qualche mese fa, ho notato la Sua presenza presso l’azienda Donnafugata per la vendemmia notturna. Sicuramente tale evento ha un impatto mediatico e un ritorno superiore, ma La invitiamo qui nelle nostre zone per una bella passeggiata, in modo che anche Lei possa toccare con mano i problemi che attanagliano la nostra agricoltura; se sparisce l’agrumicultura si disgrega anche tanta parte della società civile.
Spero che si occuperà un pò più di noi agricoltori del SUD.
Cordiali Saluti
Annunci

4 pensieri su “lettera a luca zaia 3°

  1. più che a Luca Zaia farei la festa ai nostri parlamentari che raccattano voti ma che poi non riescono a fare nulla di utile e positivo per la società in cui viviamo.Le orecchie a Luca Zaia dovranno essere sturate dai nostri eccelsi Firrarello e soci ce di tutto parlano e discettano ma forse non di vera agricoltura. Il vecchietto di Bronte ha la fisima , giusta, del pistacchio, promosso a livello di gioiello. Ma non capisce nulla di altro perchè non ha le doti e non ha la cultura appropriata. Bisogna sollecitare i volti di quelli che abbiamo votato.Cosa fa ad esempio l’arcangelo Raffaele?L’uomo potente su ogni versante e campo? Purtroppo è preferibile che mi fermi e non vada oltre. Sarei inopportura e sgradita ai più.Ecco il motivo per cui la Sicilia ristagna nelle fogne e negli stagni.

  2. Caro Vigo,Cara Lina,Cari amici di Vigopensiero,mi permetto,con la speranza di non essere inopportuno,di postare quest’intervento che mi ha inviato mio amico giornalista Giorgio Bongiovanni,intervento da lui stesso redatto.Non faccio alcun commento.Una sola considerazione:le dichiarazioni del Dott.Grasso e le “domande” di Giorgio ci fanno capire,se non l’avessimo ancora capito,perchè in Sicilia “semu comu semu”…(“fra fogne e stagni”)PERSI!Cordialità,Orazio Vasta========GRASSO:“La forza della mafia è quell’area grigia costituita da individui che vivono nella legalità…” **********************************“Grasso: ”Entita’ esterne hanno armato Cosa Nostra”. Ma chi sono? 8 novembre 2008E’ passata poco più di una settimana da quando il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, invitato all’inaugurazione dell’istituto superiore di tecniche investigative dell’Arma a Velletri, ha spiegato ancora una volta, con parole più che preoccupanti,la reale natura di Cosa Nostra. “E’ un errore grossolano considerare Cosa nostra un ‘antistato’ perché talvolta è dentro lo Stato e la sua connivenza con il sistema di potere è molto più di una semplice ipotesi investigativa”. Nonostante queste gravissime dichiarazioni la notizia non ha avuto praticamente nessuna eco. La grancassa mediatica continua a propugnare una concezione della mafia siciliana (ma si potrebbe applicare un discorso analogo anche alle altre organizzazioni criminali) limitata alla violenza o alla scontro tra famiglie per il predominio del territorio e per la spartizione del pizzo all’indomani della cattura di Provenzano e degli altri superlatitanti lasciando presagire una sconfitta del sodalizio mafioso. O facendo credere che la repressione giudiziaria o militare possano bastare per risolvere questo atavico problema che affligge il nostro Paese.Eppure il procuratore nazionale è stato piuttosto chiaro: “La forza della mafia è quell’area grigia costituita da individui che vivono nella legalità, forniscono un supporto di consulenza per le questioni legali, per gli investimenti, per l’occultamento dei fondi, per manovrare l’immenso potenziale economico dell’organizzazione criminale”.E ancora più drammatico: “la mafia pur avendo sempre avuto interessi propri è stata anche portatrice di interessi altrui: in tantissime occasioni entità esterne hanno armato la sua mano”.Una dichiarazione del genere avrebbe dovuto sollevare un vespaio, il procuratore sarebbe dovuto essere subissato di domande e contestazioni da parte dei grandi media tutti in fila a chiedergli spiegazioni delle sue parole che fanno il paio con quelle di qualche anno fa:Cosa Nostra in qualche occasione è stata anche il braccio armato dello Stato.E invece nulla. Silenzio e il silenzio, spiega il procuratore, è l’ossigeno della mafia. Forse ci siamo fin troppo abituati al muro di gomma contro cui rimbalzano isolate le voci disperate dei familiari delle vittime. La mafia,il suo vero potere e lo stragismo eversivo di cui si è resa protagonista non fanno più notizia. Non interessano più.Dal nostro piccolo osservatorio,invece, noi vorremmo sapere dal Procuratore Nazionale Antimafia chi sono queste “entità” che hanno armato la mano di Cosa Nostra? Dove sono? In quali settori concreti del potere si annidano? Quello Bancario? Finanziario? Religioso? Istituzionale? Sono nelle Forze dell’Ordine? Nei Ministeri? Nelle Università? Nella Massoneria? Nei servizi segreti? Nell’imprenditoria? Nell’avvocatura? Nei Comuni? In Paesi stranieri? Nei sindacati?Quale potere rappresentano? Hanno a che fare con i mandanti esterni delle stragi del 92 e del 93 e con quelle precedenti? Che relazione hanno con l’area grigia? Quali interessi hanno soddisfatto le stragi? Economici? Politici? Eversivi? Tutti e tre? Altri?Sappiamo che non è possibile conoscere i nomi di soggetti singoli magari sottoposti ad indagine, ma a queste domande vorremmo che potesse rispondere il Procuratore così da tenere desta l’attenzione di tutti e riportare la questione mafia nel suo alveo reale:quello di un potere tra i poteri. Sempre forte e così infiltrato nelle pieghe della società da apparire invisibile e tuttora molto lontano dall’essere sconfitto.Giorgio Bongiovanni”

Rispondi