prova di portata

Dovete progettare un impianto di irrigazione?
Dovete dimensionare una vasca di accumulo?
Avete un pozzo, una fonte di approvvigionamento idrica e non sapete la portata?
A volte mi chiedono come si fa a fare la prova di portata, e visto che è una cosa semplicissima oggi ve lo spiego.
Cercate un fusto di ferro, quello degli oli minerali, di 200 litri.
Posizionate una tubazione, collegata alla fonte idrica a disposizione, in modo tale da poter porre il fusto sotto di essa.
Quando siete pronti con l’orologio, basta un semplice orologio, ma con la lancetta dei secondi, fate posizionare il fusto sotto il tubo, così come vedete nella foto.
Non appena il fusto si è riempito, dividete i litri (200) per i secondi occorsi per il riempimento.
Ecco che avrete la portata in litri al secondo.
Suggerimento: ripetete l’operazione almeno tre volte, e poi fate la media.
Annunci

3 pensieri su “prova di portata

  1. Non precisamente.Le prove di portata, per sapere il quantitativo di litri che una elettropompa fornisce da un invaso, quelle relative alle forniture consortili o di acquedotti privati,o da pozzi “alla romana” vanno eseguite così come ho spiegato.Le prove di portata dei pozzi trivellati, invece, pur essendo eseguite nel medesimo modo, devono essere effettuate dopo che il pozzo si “a regime” dopo che è in funzione da 24 a 36 ore continuative, per stabilizzare la portata.

  2. Ma l’Architetto, che sa tutto, queste nozioni tecniche le sa?E tutto il suo staff?Che gioia vedere che queste cose sono riservate ai “tecnici di campo”!

Rispondi