dispiaceri notturni

Io sono la persona meno adatta a commentare la morte di Eluana Englaro. Per un solo motivo, secondo me molto valido: non mi trovo nelle strazianti condizioni dei familiari. Essendo anch’io padre di una bambina, penso che mi si strazierebbe il cuore a vivere per 17 anni come Beppino Englaro. Ma non vivendo questa storia, non posso “sentenziare”, come invece fanno 900 deputati e senatori!
Io sono convinto che la cosa va maturata nel proprio cuore, in fondo alla propria coscienza, ma soprattutto innanzi allo specchio e con grande serenità.
Noi non siamo nelle condizioni di valutare; siamo fortunati in questo: non siamo al posto di Beppino Englaro.
E la destra e la sinistra stiano zitte. Rispettino il dolore di un padre, al quale è capitata una delle cose più innaturali e strazianti.
Se io da padre non posso giudicare, come può farlo chi pensa solo a fare scoop mediatici, o peggio di partito?
Con una lacrima che scende dal viso lancio un saluto ad Eluana, ma soprattutto un abbraccio ai familiari, a suo padre Beppino.
Annunci

Rispondi